20/11/09

i perchè della "processo breve"

BUGIE GROSSE 01

incredibile due volte.

per risolvere il problema della lungaggine dei processi si decide di adottare una legge (denominata "processo breve") che chiuderebbe i processi aperti da x anni (x=2+2+2).
incredibile!
qual'è la causa dei processi lenti? magistrati e giudici fannulloni e con pochi obblighi lavorativi? mancanza di fondi? l'obbligatorietà dell'azione penale che porta a processi su qualsiasi caso? difesa che si può appellare a qualsiasi virgola per rallentare i procedimenti?
al legiferatore di oggi non importa trovare la soluzione ad alcuno di questi problemi (almeno non lo fa con questa legge).

il ministro alla giustizia alfano tranquillizza: solo l'1% dei procedimenti in corso sarebbero cancellati da questa norma.
incredibile!
qual'è il fine del "processo breve"? salvare berlusconi, dopo che si era provato con molte altre leggine (lodo schifani, lodo alfano... dichiarate tutte non costituzionali) oppure, come dice l'attuale maggioranza, accelerare il percorso della giustizia?
ebbene, se questa legge non rimuove gli impedimenti ad un processo veloce (e non lo fa, l'abbiamo già detto), almeno dovrebbe far morire un grosso numero di processi, così che quelli rimasti pendenti possono correre spediti. [certo, sarebbe un modo alquanto strambo di risolvere il problema.] ma alfano ci dice che i processi che cadrebbero sotto la scure di questa ipotetica e malaugurata legge oggi sono pochi, pochissimi, quindi anche domani saranno pochi, pochissimi.

bugie, solo bugie dalla bocca di certa gente

Nessun commento:

Posta un commento